Come emettere una fattura elettronica

Fatturazione elettronica

Dal 1° Gennaio 2019 scatta l’obbligo di fatturazione elettronica tra privati. Si tratta di un cambiamento che riguarda i titolari di partita IVA residenti in Italia. Probabilmente stavi cercando come emettere una fattura elettronica e ti sei imbattuto in questo sito.

Di seguito proveremo a spiegare i passi per ottemperare a questa nuova modalità di fatturazione.

Tutti coloro però che si avvalgono di regimi agevolati o forfettari, sono esclusi per ora dall’obbligo di fattura elettronica.

Che cosa significa praticamente emettere una fattura elettronica

Tecnicamente, la fattura elettronica necessita di realizzare un file xml. Tale file consiste in un insieme di tag nel formato FatturaPA che va “costruito” secondo delle particolari specifiche. La fattura può quindi essere emessa e ricevuta utilizzando il Sistema di Interscambio (SdI).

Come emettere una fattura elettronica

Le imprese potranno accedere a un portale pubblico in fase di realizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate. Su questo portale potranno indicare mediante quali canali intendono ricevere le fatture. Le aziende potranno tuttavia accedere al loro cassetto fiscale, trovandovi i loro documenti.

La sicurezza del sistema è garantita dall’hash. Esso non è altro che un codice alfanumerico che contraddistingue univocamente una fattura. potrebbe sembrare non facile capire come emettere una fattura elettronica, ma nel corso degli ultimi anni sono nati molti software già predisposti per la gestione elettronica delle fatture.

Che cosa fare in caso di errori?

Se si riceve una fattura che non è diretta alla propria realtà è possibile ignorarla, ma sarebbe gentile segnalarlo al fornitore che l’ha mandata. Se invece la fattura è errata nei contenuti, dato che ormai è stata regolarmente emessa, sarà necessario intervenire con Note di Debito/Credito. La pratica del rifiuto previsto per le Fatture elettroniche dirette alle PA non dovrebbe risultare ammissibile per le Fatture B2B.

La digitalizzazione dei documenti porterà un notevole risparmio alle aziende. Specialmente dal punto di vista del tempo necessario alla gestione fiscale, la fattura elettronica porterà molti benefici.

L’obiettivo di questa nuova modalità di fatturazione è anche quello di contrastare l’evasione fiscale.

Come emettere una fattura elettronica può rendere più efficiente l’azienda

L’inserimento della fatturazione elettronica nei processi aziendali può essere un ottimo spunto di ottimizzazione degli stessi. Le fatture sono spesso un elemento critico all’interno dell’azienda. La gestione attuale prevede molti adempimenti burocratici. Inoltre le fatture devono essere conservate per lungo tempo.

Le aziende di piccole dimensioni si avvalgono di professionisti esterni per la gestione delle fatture. Quelle medie hanno spesso reparti di fatturazione al loro interno.

La conservazione dei documenti cartacei comporta in ogni caso l’occupazione di ampi spazi. Dopo che l’azienda avrà capito come emettere una fattura elettronica, gli spazi occupati dalla carta e dalla burocrazie diminuiranno. Sarà possibile destinare questi a nuovi processi aziendali.

L’occasione dell’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria B2B, in realtà, può rappresentare una preziosa occasione per rendere più efficiente l’intero ciclo attivo e passivo, di cui le fatture, sia in entrata si in uscita, sono un elemento fondamentale.

Come emettere una fattura elettronica può avere anche aspetti negativi

A prima vista l’emissione di fatture elettroniche può sembrare avere solo lati positivi. Miglioramento dei processi produttivi. Aumento degli spazi in azienda. Lotta all’evasione.

Tuttavia occorre considerare che spesso le fatture sono associate ad altri documenti. I documenti di trasporto, i contratti e tutti gli atti di una compravendita sono documenti che viaggiano di pari passo con la fatturazione.

L’introduzione della fatturazione elettronica non copre per ora tutti questi. Se da un lato, dopo aver capito come emettere una fattura elettronica si migliorerà l’efficienza specifica della fatturazione, dall’altro lato potrebbero nascere delle difficoltà ad affiancare documenti cartacei e documenti elettronici.

Questo aspetto non è stato ancora normato e probabilmente passeranno diversi anni prima di trovare la quadra. Le aziende possono tuttavia approfittare di questo momento per dettare l’agenda della trasformazione digitale.

Le aziende sono profonde conoscitrici dei processi legati al fisco. Specialmente quelle che hanno al loro interno uffici o reparti per la fatturazione, hanno sviluppato metodi e sistemi per rendere efficienti i passaggi.

Se le aziende metteranno a disposizione il loro know how interno relativo alla fatturazione, la strada per la completa digitalizzazione sarà sicuramente in discesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *